IL LASER

 

Il Laser (Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation) consiste in un raggio di luce focalizzato ad una unica determinata frequenza/lunghezza d’onda, il raggio è collimato, ovvero non presenta divergenza, quindi non disperde l’energia ma è fortemente focalizzato in un punto ed è coerente, ovvero i fotoni sono sincroni con le stesse oscillazioni nel tempo e nello spazio.

In medicina sono oggi disponibili diversi tipi di Laser, caratterizzati da radiazioni di diverse lunghezze d’onda, ciascuno usato con specifiche finalità.

In odontoiatria trova maggiori applicazioni il laser a diodi, che viene utilizzato soprattutto sui tessuti molli, per la riduzione della sensibilità e per l'amplificazione di agenti sbiancanti, come quello in uso nei nostri studi.laser

I vari tessuti del corpo umano assorbono in modo differente determinate lunghezze d’onda; di conseguenza alcuni tessuti “bersaglio” possono essere colpiti selettivamente, lasciando pressoché intatti quelli circostanti.

Il vantaggio della selettività  di ogni laser risiede nel fatto che non si producono danni ai tessuti circostanti od alla cute sovrastante. Una minima dispersione di calore nelle zone limitrofe al tessuto bersaglio comunque esiste; questa può talora produrre un arrossamento dei tessuti circostanti o la formazione di piccole bollicine o sottili croste della cute qualora vengano trattate zone ampie.

La tecnologia laser rappresenta un'evoluzione delle tradizionali tecniche medicochirurgiche che porta un miglioramento importante nella pratica quotidiana dello studio dentistico presentando numerosi vantaggi:
 
L’estrema tollerabilità del trattamento permette di evitare l’utilizzo dell’anestesia nella maggior parte degli interventi. Questo assicura un migliore rapporto con il paziente, in particolare con pazienti odontofobici (paura del dentista) e con bambini.
 
Il laser risulta un metodo meno invasivo rispetto alle tecniche tradizionali, permettendo una minore distruzione cellulare e un minore sanguinamento per effetto dell’emostasi.
 
Il laser ha un forte potere antibatterico favorendo perciò l’effetto sterilizzante ed antinfiammatorio durante il suo utilizzo.
 
• Il trattamento con il laser richiede un minor numero di sedute al paziente, oltre ad interventi di minore durata per la maggior parte delle applicazioni.